Badanti straniere assunzione

Badanti: aumenta la richiesta, quelle che abbiamo non bastano

Le badanti si concentrano nelle regioni del Centro-Nord, mentre le colf sono in prevalenza in Lombardia e Lazio. Pur essendo in grado di affermare che il numero complessivo dei lavoratori domestici in Italia è di circa 2 milioni (con una componente irregolare vicina al 60%), in questa analisi sono trattati solo i lavoratori regolari. Le donne sono in netta maggioranza (88,3%) rispetto agli uomini. L’età media del lavoratore domestico, evidenzia Vita, è 48 anni e nella maggioranza dei casi è assunto da meno di un anno. Spiega alla Stampa Sergio Pasquinelli, sociologo e direttore di ricerca all’Istituto per la Ricerca Sociale (Irs) di Milano: “Sta aumentando la quota di anziani soli e si sta indebolendo la rete tradizionale dell’aiuto familiare sia per la riduzione della natalità che per l’aumento delle separazioni. In questa situazione diventa a volte inevitabile il ricorso alle casi di riposo. E c’è un fenomeno parallelo: per le badanti, rispetto a 15 anni fa, si è ridotta la disponibilità alla convivenza e questo lascia scoperta la domanda di assistenza sulle 24 ore. Se le famiglie non ce la fanno, si rivolgono alle strutture residenziali, un settore dove però l’offerta non cresce di pari passo con l’aumentare degli anziani. Alla fine collochi l’anziano là dove puoi, magari in una struttura non tanto qualificata, ed è lì che può nascere il problema”.

Il fenomeno crescente delle demenze complica il quadro, perché non si è ancora sviluppata l’attenzione a formare addetti che abbiano le necessarie competenze.

È in questo pozzo senza fondo di bisogni (tra badanti e strutture residenziali e case di riposo, dove una retta oscilla tra 1500 e 3000 euro, metà dei quali a carico del pubblico)  che finiscono le risorse che lo Stato mette a disposizione, concentrate ancora soprattutto nell’indennità di accompagnamento: “Una misura nata 40 anni fa e mai adeguata che costa 13,5 miliardi l’anno – aggiunge alla Stampa Pasquinelli – 520 euro mensili dati a tutti i non autosufficienti anche se hanno livelli di non autosufficienza e condizioni economiche diversi, non tracciata e data sia a chi ha la pensione sociale e a chi ha redditi da Paperone. Invece bisognerebbe riconfigurarla in modo più efficace”. Se dunque in molti casi il ricorso alla cosiddetta “istituzionalizzazione” è inevitabile, o viene ritenuto tale, resta il problema di come garantire la sicurezza di chi viene affidato a mani estranee.

Sei alla ricerca di una badante qualificata? O di un aiuto per la gestione amministrativa della tua badante convivente?

AES Domicilio è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano, Agenzia badanti Monza e Brianza, Agenzia Badante Lecco, Lecco, Bergamo, Badante Pavia.
Siamo anche presenti attraverso i nostri uffici o i nostri partner in franchising ad esempio in Liguria: Badanti Imperia, Agenzia badanti Genova, ed in molte altre province del Nord Italia.